Tutti alla cerimonia!

IMG_7900[1].JPGSiamo giunti al capolinea di questa nuova e interessante avventura: un’esperienza che ha arricchito la mente, ma soprattutto il cuore. Nei 10 giorni di Festival, è stato bello notare come le persone aumentassero sempre più ad ogni proiezione, di come finalmente, la gente cominci a capire che oltre i ridicoli cine-panettoni, ci sia in realtà, qualcosa di vero, che non recita un copione e che non sempre debba esser legato al senso frivolo/comico della vita.

La sala è piena, è tutto pronto. Si abbassano le luci. Sul palco troviamo  gli organizzatori del Festival e in platea nomi importanti come Wilma Labate, Giovanni Cioni (registi) ed il critico cinematografico Maurizio Di Rienzo solo per citarne alcuni.
Purtroppo alcuni dei registri-vincitori non hanno potuto partecipare alla cerimonia per motivi di lontananza e/o familiari. Peccato.

Tra i film vincenti, nella categoria “PerSo Masterpiece”, riscontro un film di cui ho avuto il piacere di guardare e successivamente commentare sul blog, VIEJO CALAVERA di Kiro Russo: di come “un’altra realtà” (difficile, cruenta, ma con tanta voglia di riscatto) abbia colpito la mente di chiunque l’abbia visto. Anche In questo caso, il regista non era presente, ma ha lasciato un filmato-ricordo per i ringraziamenti vari.

Come altro vincitore nella categoria “PerSo Award”,  troviamo “Treblinka”, uno speccato del passato sempre attuale che colpisce chiunque con tematiche forti quali l’olocausto con la conseguente uccisione di migliaia di innocenti: impossibile rimanere impassibili a tanto dolore, razzismo, xenofobia e tanto altro; tematiche, in parte riscontrate in un altro lungometraggio che per me, meritava la vittoria “It was all just a good dream” che comunque racconta di guerra, dolore, rabbia.
Pellicole che invito caldamente a guardare per chi ancora non l’avesse fatto: è importante aprire gli occhi, informarsi, e capire come un passato in cui regnava sovrana ignoranza e cattiveria, si ripercuota ancora su un presente ignaro e se concesso, ancora un po’ troppo superficiale.

Tanti applausi, tante foto, tante belle parole.
Alla mia prima esperienza in questo Festival, che sicuramente non sarà l’ultima, ringrazio chi mi ha permesso nel piccolo, di partecipare come volontaria: è stato per me bello vedere il mio nome nei titoli di coda. Mi sono sentita, un po’, parte integrante di un gruppo che, come me, ha contribuito ad ampliare e a far amare ancora di più il PerSo.

Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...